Nuova Sabatini - risorse disponibili a settembre 2019

Nuova Sabatini

Le piccole e medie imprese italiane hanno prenotato l'87% delle risorse stanziate pari a più di 1,7 miliardi di euro.

Conseguentemente, le risorse disponibili a settembre 2019 ammontano a soli 229 milioni di euro, pari al 13% delle risorse totali.

In breve, cos’è la Nuova Sabatini e quali sono i settori ammessi?

  • è l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello sviluppo economico con l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese
  • sostiene gli investimenti per acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali
  • possono beneficiare dell’agevolazione le micro, piccole e medie imprese (PMI)
  • sono ammessi tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca, ad eccezione delle attività finanziarie e assicurative

Il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico è un contributo il cui ammontare è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo uguale all’investimento, ad un tasso d’interesse annuo pari al:

  • 2,75% per gli investimenti ordinari
  • 3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (investimenti in tecnologie così dette “industria 4.0”)

 

A luglio 2019 sono state introdotte nuove modalità operative per la richiesta di erogazione del contributo.

Infatti, il nuovo iter di richiesta di erogazione prevede:

  • Richiesta unica di erogazione contenente tutte le singole quote annuali di contributo previste dal piano temporale di liquidazione indicato nel decreto di concessione;
  • Domanda unica di pagamento che attiva il pagamento di ciascuna quota successiva alla prima.

Inoltre, le PMI che abbiano già richiesto una o più quote del contributo sulla base delle modalità operative previgenti alla data del 22 luglio 2019 possono ora effettuare una richiesta unica di erogazione delle quote di contributo rimanenti.

Infine, per le domande di agevolazione che presentano un finanziamento deliberato di importo non superiore a 100 mila euro, presentate a decorrere dal 1° maggio 2019, il contributo è erogato alla PMI beneficiaria in un’unica soluzione.

Ulteriore novità è l'innalzamento da 2 a 4 milioni di euro dell’importo massimo dei finanziamenti concedibili per singola impresa.

Per i dettagli dell'agevolazione vedi la nostra pagina dedicata.

Pubblicazione

Ottobre 4, 2019

Condividi

Sabatini

CONTATTACI PER INFORMAZIONI