Se vuoi prenotare il corso senza acquistarlo, scegli come metodo di pagamento bonifico bancario.

Alla calendarizzazione del corso sarà emessa fattura che potrai pagare con bonifico.

 

Se prenoti il corso e questo sarà calendarizzato entro 6 mesi dalla data di prenotazione, sarà emessa in ogni caso fattura.

Se acquisti il corso e questo non sarà calendarizzato entro 6 mesi dalla data di acquisto, tutte le quote versate saranno restituite e verrà emessa nota di credito.

Addetti antincendio

93,00360,00 IVA esclusa

Prezzo minimo e massimo per ogni iscritto.
Il prezzo varia in funzione del numero di iscritti.
Tutti i prezzi sono IVA esclusa.

Descrizione

Condividi

Addetti antincendio

in attività di Livello 1

in attività di Livello 2

in attività di Livello 3

Corso di formazione area Sicurezza sul Lavoro

SIARB – SIARM – SIARA

Date

Da definire

Concordate con la singola azienda in caso di almeno 5 iscritti dell’azienda

Durata e Orari

Durata: 16 ore (livello 3), 8 ore (livello 2), 4 ore (livello 1)
Orario livello 2 e 3: dalle 8:30 alle 17:30 (concordato con la singola azienda in caso di almeno 5 iscritti dell’azienda)
Pausa pranzo: 1 ora dalle 12.30 alle 13.30
Orario livello 1: dalle 13:30 alle 17:30 (concordato con la singola azienda in caso di almeno 5 iscritti dell’azienda)

Sede

Fraz. Ponzone – Valdilana (BI)
Sede aziendale in caso di almeno 5 iscritti dell’azienda

Destinatari

I lavoratori designati dal Datore di Lavoro “Addetti antincendio”

Requisiti in ingresso

Nessuno.

Normativa Addetti Antincendio

L’articolo 5 del D.M. 2/9/21 prevede che il datore di lavoro assicuri la formazione degli addetti al servizio antincendio e che gli addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell’emergenza frequentino specifici corsi di aggiornamento con cadenza almeno quinquennale.

La formazione è di 4 ore per il Livello 1, di 8 ore per il Livello 2, di 16 ore per il Livello 3.

I contenuti minimi dei corsi di formazione per addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze in caso di incendio, devono essere correlati alla tipologia delle attività ed al livello di rischio incendio così come individuato dal datore di lavoro.

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ

ATTIVITÀ DI LIVELLO 3

a) stabilimenti di “soglia inferiore” e di “soglia superiore” come definiti all’articolo 3, comma 1, lettere b) e c) del decreto legislativo 26 giugno 2015, n. 105;

b) fabbriche e depositi di esplosivi;

c) centrali termoelettriche;

d) impianti di estrazione di oli minerali e gas combustibili;

e) impianti e laboratori nucleari;

f) depositi al chiuso di materiali combustibili aventi superficie superiore a 20.000 mq;

g) attività commerciali ed espositive con superficie aperta al pubblico superiore a 10.000 mq;

h) aerostazioni, stazioni ferroviarie, stazioni marittime con superficie coperta accessibile al pubblico
superiore a 5.000 mq; metropolitane in tutto o in parte sotterranee;

i) interporti con superficie superiore a 20.000 mq;

j) alberghi con oltre 200 posti letto;

k) strutture sanitarie che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero o residenziale a
ciclo continuativo o diurno; case di riposo per anziani;

l) scuole di ogni ordine e grado con oltre 1.000 persone presenti;

m) uffici con oltre 1.000 persone presenti;

n) cantieri temporanei o mobili in sotterraneo per la costruzione, manutenzione e riparazione di
gallerie, caverne, pozzi ed opere simili di lunghezza superiore a 50 metri;

o) cantieri temporanei o mobili ove si impiegano esplosivi;

p) stabilimenti ed impianti che effettuano stoccaggio di rifiuti, ai sensi dell’articolo 183, comma 1,
lettera aa) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nonché operazioni di trattamento di
rifiuti, ai sensi dell’articolo 183, comma 1, lettera s) del medesimo decreto legislativo; sono
esclusi i rifiuti inerti come definiti dall’articolo 2, comma 1, lettera e) del decreto legislativo 13
gennaio 2003, n. 36.

ATTIVITÀ DI LIVELLO 2

A titolo esemplificativo e non esaustivo rientrano in tale categoria di attività:

a) i luoghi di lavoro compresi nell’allegato I al decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto
2011, n. 151, con esclusione delle attività di livello 3;

b) i cantieri temporanei e mobili ove si detengono ed impiegano sostanze infiammabili e si fa uso
di fiamme libere, esclusi quelli interamente all’aperto.

ATTIVITÀ DI LIVELLO 1

Rientrano in tale categoria di attività quelle non classificabili a medio ed elevato rischio e dove, in generale, sono presenti sostanze scarsamente infiammabili, dove le condizioni di esercizio offrono scarsa possibilità di sviluppo di focolai e ove non sussistono probabilità di propagazione delle fiamme.

I corsi Addetti antincendio Livello 1, Livello 2 e Livello 3 propongono ai partecipanti il rispettivo programma formativo previsto dal Decreto Ministeriale 2/9/2021.

 

Programma del CORSO DI FORMAZIONE ANTINCENDIO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ DI LIVELLO 1
(DURATA 4 ORE, compresa verifica di apprendimento)

1) L’INCENDIO E LA PREVENZIONE

  • principi della combustione;
  • prodotti della combustione;
  • sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio;
  • effetti dell’incendio sull’uomo;
  • divieti e limitazioni di esercizio;
  • misure comportamentali.

2) PROTEZIONE ANTINCENDIO E PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO

  • principali misure di protezione antincendio;
  • evacuazione in caso di incendio;
  • chiamata dei soccorsi.

3) ESERCITAZIONI PRATICHE

  • presa visione e chiarimenti sugli estintori portatili;
  • esercitazioni sull’uso degli estintori portatili;
  • presa visione del registro antincendio, chiarimenti ed esercitazione riguardante
    l’attività di sorveglianza.

Programma del CORSO DI FORMAZIONE ANTINCENDIO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ DI LIVELLO 2
(DURATA 8 ORE, compresa verifica di apprendimento)

1) L’INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI

  • Principi sulla combustione e l’incendio:
    le sostanze estinguenti;
    il triangolo della combustione;
    le principali cause di un incendio;
    i rischi alle per le persone in caso di incendio;
    i principali accorgimenti e misure per prevenire gli incendi.

2) STRATEGIA ANTINCENDIO (prima parte)

  • Misure antincendio:
    reazione al fuoco;
    resistenza al fuoco;
    compartimentazione;
    esodo;
    controllo dell’incendio;
    rivelazione ed allarme;
    controllo di fumi e calore;
    operatività antincendio;
    sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio.

3) STRATEGIA ANTINCENDIO (seconda parte)

  • Gestione della sicurezza antincendio in esercizio ed in emergenza, con approfondimenti su controlli e manutenzione e sulla pianificazione di emergenza.

4) ESERCITAZIONI PRATICHE

  • presa visione e chiarimenti sulle attrezzature ed impianti di controllo ed estinzione degli incendi più diffusi;
  • presa visione e chiarimenti sui dispositivi di protezione individuale;
  • esercitazioni sull’uso degli estintori portatili e modalità di utilizzo di naspi e idranti;
  • presa visione del registro antincendio, chiarimenti ed esercitazione riguardante l’attività di sorveglianza.

Programma del CORSO DI FORMAZIONE ANTINCENDIO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ DI LIVELLO 3
(DURATA 16 ORE, compresa verifica di apprendimento)

1) L’INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI

  • principi sulla combustione;
  • le principali cause di incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro;
  • le sostanze estinguenti;
  • i rischi alle persone ed all’ambiente;
  • specifiche misure di prevenzione incendi; accorgimenti comportamentali per prevenire gli incendi;
  • l’importanza del controllo degli ambienti di lavoro;
  • l’importanza delle verifiche e delle manutenzioni sui presidi antincendio.

2) STRATEGIA ANTINCENDIO (prima parte)

  • le aree a rischio specifico. La protezione contro le esplosioni.
  • misure antincendio (prima parte):
    reazione al fuoco;
    resistenza al fuoco;
    compartimentazione;
    esodo;
    rivelazione ed allarme;
    controllo di fumo e calore.

3) STRATEGIA ANTINCENDIO (seconda parte)

  • Misure antincendio (seconda parte):
    controllo dell’incendio;
    operatività antincendio;
    gestione della sicurezza antincendio in esercizio ed in emergenza.
    controlli e la manutenzione.
  • Il piano di emergenza:
    procedure di emergenza;
    procedure di allarme;
    procedure di evacuazione.

4) ESERCITAZIONI PRATICHE

  • presa visione e chiarimenti sulle principali attrezzature ed impianti di controllo ed estinzione degli incendi;
  • presa visione sui dispositivi di protezione individuale (tra cui, maschere, autoprotettore, tute);
  • esercitazioni sull’uso delle attrezzature di controllo ed estinzione degli incendi;
  • presa visione del registro antincendio;
  • chiarimenti ed esercitazione riguardante l’attività di sorveglianza.

Brand

E3 S.r.l. - Agevolazioni | Consulenza | Formazione

  • E3 S.r.l. è un soggetto inserito nell’elenco degli abilitati dalla Regione Piemonte ad erogare corsi di formazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro con il codice A578/2018.
  • Inoltre, E3 S.r.l. è un soggetto accreditato presso la Regione Piemonte con il codice operatore D19706. Qui puoi scaricare il certificato.
  • Infine, E3 S.r.l. opera con un sistema di gestione per la qualità certificato secondo la norma ISO9001:2015 da Italcert S.r.l. Qui puoi scaricare il certificato.
  • E3 S.r.l. - Agevolazioni | Consulenza | Formazione - Calendario corsi

    Informazioni aggiuntive

    Numero di iscritti

    1, 2, 3, 4, 5+

    Data

    da definire

    Sede

    Azienda, Ponzone

    Classificazione attività

    Livello 1, Livello 2, Livello 3

    Recensioni

    Ancora non ci sono recensioni.

    Recensisci per primo “Addetti antincendio”

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *